Scopriamo Dublino: Itinerario di 3 giorni!

Ha'Penny Bridge

Dublino è la capitale dell’Irlanda, ma non stiamo di certo parlando delle dimensioni di Londra, Roma o Barcellona. Rimane comunque una piccola città che può essere visitata tranquillamente in tre giorni. 
Iniziamo, allora questo itinerario di tre giorni lungo le strade dublinesi e i migliori luoghi di interesse e vedrete che resterà a disposizione del tempo per immergersi nella natura irlandese.

Pronti??? 3…. 2…. 1 VIA!!  

PRIMO GIORNO – Buongiorno Dublino!! 

9.00 – 10.30 St. Stephens Green Park

St Stephen Green Park

Questo tour parte da da St. Stephens Green Park. E’ un parco vittoriano che si trova in centro città alla fine di Grafton Street. Un’area verde che sorge in pieno centro storico offrendo ai dublinesi piacevoli ore di svago e relax ed è uno dei polmoni ecologici della città. Godetevi una bella passeggiata in mezzo al verde e ai fiori colorati mentre ammirate i diversi monumenti dislocati lungo il parco. 

Uscendo dal parco proseguite lungo Grafton Street la via dello shopping di Dublino, al momento il consiglio è solo quella di godervela e ascoltare la musica suonata dai musicisti di strada senza soffermarvi troppo tra negozi e vetrine. Magari per un po’ di shopping ci sarà del tempo a fine giornata o prima di tornare a casa. 

Grafto

10.30 – 12.00 Trinity college e Old Library

Siete arrivati alla fine di Grafton street? Alzate un po’ la testa e vi troverete di fronte al Trinity College, la più antica università di Dublino. La sua costruzione risale, infatti, al 1592. L’entrata è libera e potrete tranquillamente passeggiare tra gli edifici di questa università respirando a pieno la tipica atmosfera universitaria come se foste all’interno di una serie tv. Se siete fortunati potreste avere la fortuna di assistere ad un match di rugby, insomma siamo in pieno clima collegiale. Da non perdere assolutamente la visita alla Old Library dove potrete perdervi tra busti di grandi scrittori e filosofi occidentali, e immensi scaffali di libri. Qui potrete vedere una delle poche copie rimanenti relativa alla proclamazione della Repubblica d’Irlanda e il celebre Books of Kells uno dei manoscritti più preziosi al mondo all’interno del quale sono contenuti i quattro vangeli in traduzione latina.
Il biglietto per la visita all’Old Library può essere acquistato all’ingresso del Trinity college ad un prezzo di 9 euro e la visita dura circa un’ora. 

Trinity College

12.00 – 12.30 O’ Connel Street e lo Spire

Usciti dal Trinity college proseguite a destra verso O’Connel Street attraversate l’ O’ Connel bridge da dove potrete avere una vista completa dell’ Ha’ Penny bridge. Uno dei luoghi simbolo e tra i più fotografati della città per essere così suggestivo e scenografico. Deve il suo nome al fatto che in passato per poter attraversare il ponte era necessario pagare un pedaggio di mezzo penny. 

Prima di avvicinarvi al famoso ponte vi consiglio di proseguire dritti su O’Connel street per arrivare fino allo Spire, un’enorme torre di acciaio che si estende fino ad arrivare in cielo. Oltre ad essere un progetto di rivalutazione urbanistica rappresenta la lotta per l’indipendenza tra Irlandesi e Inglese. 

12.30 – 14.00 Ha’ Penny Bridge e Pausa pranzo a Temple Bar 

Da qui proseguite verso Henry Street, un’altra via ricca di negozi e centri commerciali. Arrivate fino all’Ilac Shopping Centre e poi proseguite a sinistra giù per Jervis Street fino al Liffey dove arriverete vicino all’Ha’ Penny bridge e potrete fermarvi a scattare qualche foto. 

Dal ponte si raggiunge facilmente il quartiere di Temple Bar dove ci sono diversi pub e tipici ristoranti irlandesi.  Vi consiglio di fare sosta al Traditional Irish Restaurant un pub che offre una buona cucina irlandese e durante il vostro pranzo o cena potrete ascoltare una tipica band irlandese.  Questa è una zona di Dublino molto caratteristica, piccole viette, porte colorate, negozietti carini. Non c’è un vero e proprio tour da consigliarvi vi consiglio di fare un giretto e lasciarvi guidare dal vostro intuito dai colori delle vie. 

Temple Bar

14.00 – 15.30

Tra giardini in centro città, ampie vie dello shopping, ristoranti tradizionali avete già iniziato a respirare un po’ di atmosfera irlandese. Ma ora è arrivato il momento di immergersi nella storia e nella cultura irlandese. 

Da Temple Bar dirigetevi, ora, verso Dame street dove troverete il famoso Dublin Castle. La visita dura circa un’ora. Il biglietto ha un costo di 10 euro con visita guidata, altrimenti 7 euro se in autonomia. Il Dublin Castle è stato centro di potere dell’isola ed  è stato utilizzato come fortezza militare, prigione, tribunale e sede del governo irlandese. 
E’ possibile acquistare i biglietti sul sito ufficiale

15.30 – 17.30 Christ Church Cathedral 

Adesso è arrivato il momento di visitare la Chiesa di Cristo o Christ Church Cathedral. E’ il cuore spirituale della città e costituisce una delle principali attrazioni turistiche.  
La visita all’entrata ha un costo di 7 euro, mentre è gratuita la domenica durante lo svolgimento della messa. Il costo dell’ingresso è giustificato dal fatto che è un’organizzazione di beneficienza che non riceve aiuti statali. 
La cattedrale è collegata tramite un ponte a Dublinia.  Un’attrazione che vale la pena vivere con i vostri bambini. Si presenta come una città dentro una città dove conoscere il popolo irlandese, e scoprire i mutamenti che sono avvenuti nei secoli. All’ interno di questo villaggio si tengono mostre interattive che consentono ai visitatori di ogni età di imparare e condividere. Infatti potrete rivivere diverse tradizioni irlandesi e indossare i vestiti dei vichinghi. Al centro della piccola cittadini c’è una vera e propria fiera medievale con tanto di giochi praticati in antichità. 

17.30 – 18.30 St. Patrick Cathedral 

Questa cattedrale è stata costruita in onore di San Patrizio, patrono dell’isola. Con i suoi 100 metri di lunghezza vanta il primato di essere la chiesa più lunga dell’Irlanda medievale. La cattedrale è un luogo di interesse architettonico e artistico da non perdere e penso che anche i meno esperti di arte e architettura possono apprezzarla. I giochi di luce al suo interno e i colori delle vetrate sanno lasciare a bocca aperta. L’ingresso ha un costo di 5 euro. 

E il primo giorno è passato con questo tour grazie al quale ora avete una panoramica del centro città e avete conosciuto i luoghi più rappresentativi della capitale. 
Ora non vi resta che rilassarvi di fronte a una birra e una buona cena in perfetto stile irlandese, in uno dei miei prossimi post ci consiglierò cosa fare la sera a Dublino!

SECONDO GIORNO: Odori e sapori dell’Irlanda 

Dopo le lunghe camminate fatte ieri, oggi continuiamo la scoperta di Dublino, ma in modo più rilassante. Il mio consiglio per oggi è la visita all’imperdibile Guinnes Storehouse e al Phoenix Park. 

La Guiness Storehouse è uno dei luoghi che più permette di immergersi a pieno nella cultura irlandese entrando a stretto contatto con la tradizione irlandese. Qui sarà possibile prendere visione dell’intero processo produttivo di questa birra per poi poterne gustare una alla fine del tour. Una visita guidata che si articola su sette piani dove sarà possibile conoscere la storia, il processo produttivo, l’arte pubblicitaria della guinness fino ad arrivare all’arte dello spillare la birra per poi, finalmente, gustarla con vista panoramica. 
L’ingresso ha un prezzo che parte dai 18.50 euro ed è aperta tutti i giorni dalle 9 alle 19.30 l’ultimo accesso è consentito fino alle 19.00. 

Il Phoenix park è il più grande parco d’Europa vi si trovano numerosi campi sportivi, giardini e laghi. Per gli amanti degli animali c’è anche uno zoo. All’interno del parco è possibile noleggiare delle biciclette per poter fare il giro di tutto il parco, ma io l’ho girato a piedi e penso che mezza giornata sia sufficiente. Superando lo zoo e camminando oltre  potrete anche incontrare i daini che qui ci vivono! 
Se siete fortunati e potete godere di una giornata di sole vi consiglio di comprare qualcosa da mangiare al supermercato e fare un picnic seduti in uno dei tanti prati di Phoenix park e magari rilassarvi leggendo un buon libro o ascoltando della musica. 

Phoenix Park

TERZO GIORNO: Completa immersione nella natura più selvaggia a pochi minuti da Dublino 

Oggi è arrivato il momento di assaporare una piccola parte dei paesaggi naturalistici che solo l’irlanda ci può offrire. Prendendo la dart, un servizio di treni elettrici, sarà facile raggiungere uno dei qualsiasi paesi lungo la costa dublinese. Per questo terzo giorno a Dublino vi consiglio di prendere in considerazione Bray Howth. Onestamente vi dico che a me ha fatto battere il cuore Bray, sarà forse stata la fortuna di aver trovato una giornata di sole? Non lo so, ma il suo piccolo centro mi è sembrato quello di una favola: colorato e amichevole con l’acqua cristallina e le sue casette in pieno stile vittoriano. Dal centro potrete seguire il percorso che vi guiderà verso una Cliff walk dalla quale potrete scegliere due percorsi: la passeggiata fino alla croce, la Bray Head da cui si può godere di una vista mare mozzafiato. Oppure, più tranquilla e naturalistica la camminata che conduce fino a Greystones. Una passeggiata di 5 Km che vi regalerà dolci momenti di serenità alternati al brivido della scogliera che da sul mare. 

Bray Cliffwalk

Howth, invece, si trova dalla parte opposta ed è un piccolo paesino di pescatori dove poter mangiare del buon fish and chips. Appena usciti dalla stazione della dart verrete guidati in una passeggiata lungomare verso il porto dove potrete godere di una bella vista sul porto con le barche ordinatamente ormeggiate. Durante il percorso verrete fermati da dei pescatori che vi daranno la possibilità, a pagamento, di fare un giro in barca e vi porteranno a vedere i gabbiani che si posano su degli scogli conficcati in mezzo al mare. Dopodichè a farvi compagnia ci sarà una camminata di 10 km lungo la scogliera. La camminata è durata circa 3 ore ed è stata piuttosto faticosa a causa dei tratti ripidi e del tempo che non è stato dei migliori.

Howth

 

 

Precedente La mia esperienza come ragazza alla pari. Successivo The Giant's causeway: ecco perchè è così misterioso

Lascia un commento