Maiorca: coast to coast tra calli e grotte misteriose!

calle des moro

Come promesso finalmente sono qui a raccontarvi del mio viaggio a Maiorca con Scuola Zoo Experience.

Innanzitutto vi spiego cos’è Scuola Zoo experience e cosa mi ha spinto a partire con loro. Scuola Zoo experience organizza viaggi di gruppo per tutto l’anno alla scoperta dell’Europa. E’ possibile partire per un’unica città, oppure fare viaggi on the road che si suddividono su diverse tappe. Si rivolgono a ragazzi/e tra i 19 e i 26 anni e un Group Leader si occuperà di gestire tutto l’aspetto organizzativo del viaggio assecondando, quando possibile, eventuali richieste dei partecipanti. Il mood è quello di scoprire la cultura e le peculiarità delle migliori città europee divertendosi e conoscendo nuove persone che saranno proprio i tuoi compagni di viaggio.

Perchè quest’anno ho scelto di partite con loro? Non sarei mai potuta stare a casa vista la mia irrefrenabile voglia di viaggiare, ma per l’estate cercavo qualcosa di più. Dopo dieci mesi trascorsi tra impegni universitari e weekend passati a lavorare c’era in me la voglia di evadere, di dimenticare tutto per un po’ e quale modo migliore se non scoprire nuovi posti con persone sconosciute? E così, dopo aver accordato le ferie con il mio capo, sono andata sul sito scuolazooexperience.com ho guardato le mete disponibili per l’ultima settimana di luglio e la mia scelta è ricaduta su Maiorca. Un’isola spagnola che mi avrebbe dato tutto ciò di cui avevo bisogno: paesaggi marittimi, nuovi amici, vita notturna e un pizzico di avventura.

La scelta è stata abbastanza frettolosa, fatta più col cuore che con la testa e dopo aver cliccato su “Prenota” sono stati molti i dubbi maturati giorno dopo giorno. Dubbi che se ne sono subito andati dopo la prima ora trascorsa assieme ai miei compagni di viaggio. Ho avuto la fortuna di conoscere belle persone, che come me avevano voglia di divertirsi e scoprire posti nuovi, grazie alle quali ho condiviso un’esperienza unica e indimenticabile. Ma ora basta con i romanticismi 😛 e vi racconto un po’ la mia vacanza giorno dopo giorno! Pronti a scoprire questa meravigliosa isola spagnola???

 

 

Magaluf

Sono atterrata a Palma di Maiorca alle 22 del 25 luglio, ho preso un taxi che al costo di 38 euro mi ha portata a Magaluf dove sarei stata per tutta la settimana.

Magaluf è una località balneare riconosciuta per la  spiaggia caratterizzata da sabbia fine, dove potersi divertire con diversi giochi adrenalinici in acqua, e dalla vita notturna che ti tiene sveglio fino alle prime ore del mattino. La città prende vita verso le 7 di sera quando i pub e i disco bar iniziano ad animare la strada centrale e muore attorno alle 7 di mattina quando questi chiudono e lasciano spazio alla spiaggia e al lungomare. Purtroppo è vista da molti inglesi come la città dello sballo, dell’alcol, della droga e del sesso quindi il mio consiglio è quello di stare alla larga da queste persone e proseguire la propria serata. E’ la località giusta per gli amanti della vita notturna che preferiscono spostarsi di giorno in auto o con i mezzi pubblici per poi godersi serenamente la vita notturna sotto casa. In uno dei miei prossimi post vi parlerò dei migliori locali notturni dove trascorrere delle serate memorabili!

Cala des Moro – Cuevas de Drach – Cala Anguila

Dopo esserci rilassati lungo la spiaggia di Magaluf ed esserci scatenati lungo i locali della Strip decidiamo di immergerci nella natura più selvaggia di Maiorca e di andare a visitare delle calli suggestive e dai colori scintillanti. Saliamo al bordo del nostro pulmino e ci dirigiamo verso Cala des Moro.

E’ una piccola caletta caratterizzata da una sottile sabbia bianca e da scogli piatti e rocciosi. Non supera i 30 metri di larghezza quindi vi consiglio fortemente di arrivare presto. Noi siamo arrivati alle 9.30 circa e abbiamo faticato a trovare un posto. Arrivati in questa caletta è stato come essere in un piccolo paradiso dall’atmosfera tranquilla e rilassante. Un mare meravigliosamente cristallino in cui ci siamo subito immersi per un bel bagno rinfrescante e che non abbiamo più lasciato fino al momento di proseguire per la prossima meta.

Da qui siamo ripartiti per visitare le Cuevas de Drach o Grotte del drago che si trovano nel villaggio di Porto cristo situato nella costa orientale di Maiorca. Costituiscono una delle principali attrazioni turistiche di Maiorca sviluppandosi per 1.200 metri di lunghezza con una profondità di 25 metri sotto la superficie. Inoltre al loro interno è contenuto il lago Martel considerato uno dei laghi sotterranei più grandi al mondo.

Le grotte sono state esplorate nel 1880 e nel 1896 Martel ha scoperto dove si trova il lago che, oggi, detiene il suo nome. La visita dura circa un’ora e include un concerto di musica classica davvero emozionante e un giro in barca attraverso il lago. Visitare queste grotte è stato qualcosa di veramente suggestivo che mi ha lasciata a bocca aperta per le figure create dalle stalattiti e stalagmiti e per le diverse sfumature di azzurro e blu scuro che ho potuto ammirare. Il concerto ha una durata di dieci minuti ed è interpretato da un quartetto di violoncello, clavicembalo, e due violini che suonano accompagnati da uno spettacolare effetto di luci.

Per info relative ad orari, prezzi e cosa fare nei dintorni vi rilascio il link del sito: http://www.cuevasdeldrach.com/it/la-cueva.php

 

Da qui, prima di tornare a casa abbiamo aspettato il tramonto a Cala Anguila una spiaggia di Porto Cristo. La spiaggia si connota per un ampia distesa di sabbia ed è circondata da scogli rocciosi e pungenti in cui è possibile trovare delle stazioni per tuffarsi. E’ anche ben servita di lettini e ombrelloni al prezzo di 13.60 euro (un ombrellone e due lettini) e un bar dove poter pranzare o prendere qualche bibita fresca.

 

 

 

 

 

 

Cala del Mago 

 

L’ultima delle spiagge che ho potuto visitare è Cala del Mago. Questa spiaggia si trova a 8 Km da Magaluf e fa parte delle spiagge della Cala Portals Vells.

Acqua cristallina e sabbia fine caratterizzano questa spiaggia. Vi consiglio di seguire i sentieri lungo gli scogli in quanto è possibile raggiungere altre spiagge e ammirare bei panorami. Le condizioni marine e subacquee sono eccellenti per l’ancoraggio di imbarcazioni che renderanno il panorama ancora più unico; le brache ancorato sembrano quasi sospese da quanto cristallina è l’acqua. E sono stata molto contenta di ciò dato che non vedevo l’ora di scattare fotografie a un panorama come questo 🙂

 

Precedente Valencia: viverla in soli quattro giorni si può! Successivo Un giorno a Venezia può bastare!

Lascia un commento